Author: meladmin (page 1 of 9)

Pomme d’amour

La dolcezza e bellezza della Mela Rossa Cuneo IGP la rendono ingrediente ideale per questo romantico dessert d’autore, proposto da Michelangelo Mammoliti de La Madernassa di Guarene, durante il contest “Una mela per tre chef” che si è tenuto a Golosaria Milano il 29 ottobre. Pomme d’amour è il nome di questo piatto che riprende una ricetta americana del 1902 consistente in una crema leggera di yogurt profumato allo yuzu, cuore di mela di Cuneo all’ibisco e miele di montagna.

Per la meringa all’italiana:
100 g di albume d’uovo fresco
40 g di zucchero semolato
50 g di zucchero a velo

Mettere a montare l’albume con lo zucchero semolato, a questo punto incorporare l’altra quantità di zucchero a velo a mano, con una spatola. Riempire di meringa una sac-a-poche. Foderare gli appositi stampi a mezza sfera con un movimento a spirale. Mettere nell’essiccatore a una temperatura di 70°C. Lasciare seccare per 24 h.

Per la crema allo yogurt e yuzu:
100 g di panna
100 g di purea di Mela Rossa di Cuneo Igp
200 g di brunoise di Mela Rossa di Cuneo Igp
6 g di gelatina vegetale
230 g di yogurt
80 g di zucchero

Mettere la panna, lo zucchero e lo yogurt all’interno della planetaria, semi montare il composto. A parte mettere la purea di mela con la gelatina precedentemente reidratata e portare a 65° C. Aggiungere la brunoise alla purea di mela e amalgamare il tutto. Mettere il composto in una sac a poche e colare all’interno di stampi semisferici 10 g di composto. Mettere a congelare. Una volta congelato il cuore di mela mettere la crema di yogurt all’interno di uno stampo sferico, aggiungere il cuore di mela facendo una leggera pressione in modo tale da avere una sfera uniforme. Congelare nuovamente.

Per la marinata di ibisco e miele di montagna:
200 ml di succo di rabarbaro
50 g di miele di montagna
20 g di ibisco

Scaldare il succo di rabarbaro, aggiungere il miele e l’ibisco. Lasciare in infusione per 20 minuti. Filtrare.

Per la mela impregnata:
100 g di succo di ibisco
1 Mela Rossa di Cuneo Igp

Pelare una mela di Cuneo Igp e metterla in sacchetto sotto vuoto per 12 ore. Trascorse le 12 ore tagliare le mele con un coppa pasta cilindrico e formare dei tubi di 4 cm. Riservarli per la definizione del piatto.

Per la confettura di mela yuzu:
1 Mela Rossa di Cuneo Igp
100 g di succo di ibisco
miele di montagna

Tagliare la mela in brunoise e metterla all’interno di una pentola con il succo di ibisco, portare ad ebollizione, cuocere per 10’ e mettere a raffreddare. Aggiungere della scorza di uno yuzu all’interno della confettura.

Per il nappage di mela e lampone:
200 g di purea di lampone
6 g  di gelatina vegetale

Mettere la purea in una pentola con la gelatina vegetale, portare ad ebollizione e riservare ad una temperatura di 30 °C

Definizione del piatto
Glassare con il nappage al lampone le semi sfere di yogurt e yuzu. Prendere due semi sfere di meringa e farcirle con la confettura di Mela di Cuneo Igp. Disporre le due semi sfere di yogurt su quelle di meringa farcita. Mettere i tubi di mela perpendicolari alle sfere e terminare con delle meringhe allo yuzu.

A Macfrut 2019 protagonista la Mela Rossa Cuneo Igp insieme a tutto il suo territorio

La Fiera internazionale dell’ortofrutta a Rimini, dall’8 al 10 maggio 2019, sarà una grande opportunità per fare squadra per il Piemonte (regione partner) e per tutte le sue eccellenze.

Lagnasco – Cn (26 novembre 2018) – La Mela Rossa Cuneo Igp sarà il prodotto simbolo di Macfrut 2019, la Fiera internazionale dell’ortofrutta e unica fiera di filiera che si terrà a Rimini dall’8 al 10 maggio “La fiera che dà ai produttori l’opportunità di incontrare il cliente nuovo… quello che ancora non conoscono. – è stata la descrizione efficace di Renzo Piraccini, presidente di Macfrut, intervenuto oggi alla conferenza stampa ufficiale organizzata Castello di Lagnasco, che prosegue – Esiste un mercato mondiale della frutta davvero interessante (l’Africa Sub-sahariana con tutto il Medio Oriente è uno di questi possibili mercati), che è raggiungibile anche per i medi produttori dell’ortofrutta”. La Mela made in Piemonte, già apprezzata dal mercato Medio Orientale, sarà protagonista di questa opportunità: infatti presterà la sua immagine alla comunicazione della manifestazione e sarà al centro di incontri commerciali con buyer italiani ed esteri, workshop ed eventi stampa, insieme a Regione Piemonte, partner della 36esima edizione della kermesse. Tra le novità dell’anno, il concorso delle scuole alberghiere piemontesi che si riuniranno a Rimini per offrire una loro interpretazione in cucina di Mela Rossa Cuneo Igp e altri grandi prodotti del territorio, come il Prosciutto Crudo di Cuneo Dop.

Secondo Domenico Sacchetto, presidente di Assortofrutta e del Consorzio di Tutela della Mela Rossa Cuneo IGP “sarà un’opportunità per promuovere non solo il prodotto Mela Rossa Cuneo IGP e la sua filiera, ma tutto il sistema Piemonte con le sue eccellenti produzioni agroalimentari e il suo territorio che tanto ha da offrire anche dal punto di vista turistico. Per questo stiamo già dialogando con numerose realtà del territorio come il Consorzio del Prosciutto Crudo di Cuneo DOP, la DOP Piemontese che si sposa così felicemente alla frutta, la scuola alberghiera di Barge e gli Enti di Promozione del Turismo.”

Anche Giorgio Ferrero, assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca di Regione Piemonte, concorda sulla necessità di “fare squadra” tra tutte le realtà piemontesi anche di settori diversi e prosegue:
Il ruolo da protagonista del Piemonte a MacFrut19, simboleggiato dalla Mela Rossa di Cuneo Igp, rappresenta una grande opportunità per un settore come quello ortofrutticolo che in regione vanta grandi eccellenze, ma che talvolta non trova i meritati riconoscimenti. È un grande onore questa ribalta, a fianco all’Africa subsahariana, e anche il riconoscimento delle grandi professionalità di una ortofrutta piemontese che esporta per un valore di 500 milioni all’anno ed è in grado di coniugare la specializzazione con una grande attenzione al mercato e ai sistemi produttivi innovativi.”

Il Rapporto tra Piemonte e Macfrut
Con l’edizione 2019 infatti si consolida l’asse tra il Piemonte e Macfrut. Lo scorso anno era stato stipulato un accordo strategico tra la Fiera, Assortofrutta e AOP Piemonte,rispettivamente associazione e consorzio che uniscono le principali organizzazioni di produttori piemontesi del settore, nonché gli iscritti al sistema di controllo Mela Rossa Cuneo IGP. L’intesa si è concretizzata in azioni comuni nella promozione all’estero dei due prodotti di eccellenza del territorio, la mela rossa e il kiwi piemontese, attraverso missioni internazionali e incontri commerciali bilaterali con gli operatori esteri durante la fiera.
In questa edizione, il rapporto si rinsalda ancora di più, a testimonianza di come il sistema ortofrutticolo sia di vitale importanza per l’economia piemontese con un valore dell’export di 500 milioni di euro. A fare da traino in questo contesto, la Mela Rossa che negli ultimi due anni ha visto in Piemonte 1000 nuovi ettari dedicati su un totale di 6000 ettari complessivi.

L’ortofrutta in Piemonte
L’ortofrutta è un settore strategico per l’economia agroalimentare piemontese, che trova i suoi punti di forza nella qualità e nell’innovazione, con un buon andamento delle esportazioni e l’orientamento ad adeguarsi alle mutate abitudini di consumo. L’ortofrutta piemontese occupa una superficie di 55.830 ettari, pari al 5% della superficie agricola totale della Regione, con un peso del 14% in termini di produzione ai prezzi di base (475 milioni di euro – dati 2017).
Sono 10.850 le aziende attive (registrate nell’anagrafe agricola regionale), di cui circa 1.700 orticole, 1200 dedicate alla coltivazione di patate, 7.950 frutticole. Le specie maggiormente significative, in termini di superficie del territorio sono mele, pesche e nettarine, kiwi, nocciolo, castagno.
I dati sull’export di ortofrutta piemontese sono incoraggianti, in un contesto nazionale che nel 2017 ha fatto registrare il record storico, sfiorando la soglia dei 5 miliardi di euro (+3% rispetto al 2016). In evidenza in regione “le qualità” e le eccellenze certificate dell’ortofrutta piemontese, rappresentate dai circa 90 prodotti agroalimentari tradizionali e dalle produzioni di qualità riconosciute: nocciola del Piemonte IGP, mela rossa Cuneo IGP, castagna Cuneo IGP, marrone della Val di Susa IGP e fagiolo di Cuneo IGP.

Macfrut 2019
Organizzato da Cesena Fiera, è la fiera internazionale dell’ortofrutta. Unica fiera di filiera in ambito internazionale, undici sono i settori espositivi in rappresentanza di tutti gli anelli del sistema: sementi; novità vegetali e vivaismo; tecnologie di campo; mezzi tecnici; produzione, commercio e distribuzione; biologico; macchinari e tecnologie del post raccolta; materiali e imballaggi di confezionamento; quarta gamma; logistica; servizi. La scorsa edizione ha registrato 43mila presenze, il 25% da oltreconfine.
Tra le novità della 36esima edizione ci sarà l’Africa Sub-Sahariana quale Partner internazionale della Fiera (nelle ultime due edizioni erano stati Colombia e Cina), un continente ricco di opportunità per l’ortofrutta italiana.
Sempre in ambito internazionale sono oltre 30 le missioni in giro per il mondo per la promozione di Macfrut: Nord e Sud America (Colombia, Stati Uniti, Ecuador, Costarica, Brasile, Repubblica Dominicana), Asia (Uzbekistan, Kazakistan, Turkmenistan, Kirghizistan, Hong Kong, Cina, Vietnam, India), il Medio Oriente (Dubai e Libano), Africa (Senegal, Costa d’Avorio, Ghana, Nigeria, Angola, Mozambico, Zimbabwe, Algeria, Tunisia, Egitto, Marocco), Europa (Serbia, Ucraina, Germania, Spagna, Croazia, Macedonia, Albania).

Altre novità, sono due aree dinamiche: Acqua Campus, con tutte le innovazioni dell’irrigazione in un campo dimostrativo; Macfrut Field Solution, un campo prova di 700 metri quadri per vedere all’opera le più moderne tecnologie per il settore orticolo e frutticolo.
Sempre in fiera si terrà la seconda edizione del Tropical Fruit Congress, il summit europeo dedicato ai frutti tropicali, quest’anno suddiviso in tre sessioni: i trend di mercato della frutta tropicale in Europa e i prodotti emergenti Lime, Papaya e Passion Fruit; ananas con il The Pinepple Day; Temperature Management and ripening protocols.
Altre grandi novità, un evento internazionale dedicato all’Uva da tavola, uno sempre internazionale su corroboranti e prodotti di base, uno sulla logistica.  

Articoli precedenti

regione piemonte

ASSORTOFRUTTA
ASSOCIAZIONE DEI CONSORZI PER LA VALORIZZAZIONE E TUTELA DELLE PRODUZIONI
ORTOFRUTTICOLE A MARCHIO COLLETTIVO DELLA PROVINCIA DI CUNEO E DEL PIEMONTE
C.F. 96069880043 – P.IVA 03088270040
Tel: +39 0175 282311 – Fax: +39 0175 282320 — Up ↑
2019 MelaRossaCuneo IGP - Privacy


Powered by Perrone Informatica

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien